Versace Haute Couture2015

Donatella Versace e la sua Woodstock Couture.

Quando si tratta di haute couture e di sfoderare le armi Donatella Versace lo sa fare, ed anche egregiamente.

Parigi, primo giorno di sfilate haute-couture. In passerella uno stuolo di bellone mozzafiato rese eteree e sensuali da scolli, drappi, trasparenze e strizzate in bustiers; vere e proprie strutture che sorreggono vortici di seta e chiffon e che si fondono con ricami ad intarsio con fiori di pizzo e metallo. Ed è proprio nella parte in metal-mesh che ritroviamo tutta la maestria sartoriale: gli anelli metallici uniti al pizzo Chantilly creano una sorta di rampicante che diventa un tutt’uno con il corpo della modella. Donatella Versace ha voluto unire l’architettura e la leggerezza in un unico abito tirando fuori così la vulnerabilità delle donne­.

I capelli, lasciati morbidi e mossi, sono ornati da corone di fiori. Uno stile hippy-chic che in questo caso è anche choc!

Il make up è una sorta di smokey eye ma più light ed è ottenuto, prendetene nota perché è una beauty-tips da conservare, con una nuance a metà tra l’oliva e l’ambra spolverata sulle palpebre, mentre sulla linea delle ciglia abbiamo un verde più intenso; il tutto senza l’ombra di mascara. A differenza del classico smokey, una leggera spolverata di verde fa risaltare tutti i colori degli occhi rendendoli più bianchi e luminosi!

A voler contrastare quest’effetto vaporoso ed etereo di ogni creazione, ci sono loro: le scarpe. Enormi, sfacciate, prorompenti; si va dal sandalo con zeppa agli stivali seventies fino al ginocchio.

D’altronde, verrebbe da dire: ”this boots are made for walking” e Versace ne ha sicuramente ancora molta  strada da percorrere; un marchio che sta ritornando alla grande e registrando di nuovo crescite a doppia cifra e che, sicuramente, grazie alla caparbietà di  Donatella Versace sempre volta a preservare la tradizione della maison, riuscirà a consolidarsi ulteriormente anche nello stile e nell’immaginario delle nuove generazioni.

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *